Tavolo Provinciale delle Associazioni Imprenditoria, passaggio di consegne del Coordinamento da Coldiretti ad AGCI

2018-10-19T12:57:37+00:0019/10/2018|

Il Vice Coordinamento affidato a Confcommercio

Passa da Coldiretti Ravenna ad AGCI il Coordinamento del Tavolo Provinciale delle Associazioni Imprenditoriali. Alla guida dell’organismo costituito nel 2009 da tutte le Organizzazioni di rappresentanza, con l’obiettivo di essere una sede di confronto e sintesi a favore dell’imprenditoria ravennate e per lo sviluppo economico del nostro territorio, sale Alessandro Brunelli, Delegato Territoriale di AGCI Emilia-Romagna. Il Tavolo racchiude in un unico organismo le istanze di 13 diverse sigle: AGCI, CIA Romagna, CNA, Coldiretti, Confagricoltura, Confartigianato, Confcommercio, Confcooperative Ravenna-Rimini, Confesercenti, Confimi Industria Romagna, Confindustria Romagna, Copagri e Legacoop Romagna. Essendo un organismo di coordinamento tra Associazioni e di interfaccia tra il mondo imprenditoriale e le istituzioni, sin dal momento della sua costituzione si è stabilito che la carica di Coordinatore e quella di Vicecoordinatore vengano affidate a rotazione annuale alle varie Organizzazione aderenti.

Nell’ambito del ‘passaggio di consegne’ odierno, il coordinatore uscente Nicola Dalmonte, Presidente Coldiretti Ravenna, ha tracciato un breve bilancio di questo anno di lavoro del Tavolo, dalla gestione della delicata fusione delle Camere di Commercio di Ravenna e Ferrara, che ha visto l’imprenditoria in prima linea al fine di ottimizzare un processo che sul fronte della semplificazione, razionalizzazione e prospettive di sviluppo sinergico deve ancora decollare, al grande lavoro svolto per ‘mitigare’ un Piano Urbano della Mobilità Sostenibile che rischiava di ‘ingessare’ totalmente le nostre città con ricadute pesanti per l’intera economia. Ma non è tutto, perché durante questi 12 mesi di gestione Coldiretti, il Tavolo, sempre agendo in maniera coesa e con l’obiettivo comune di tutelare le istanze e le esigenze del sistema imprenditoriale ravennate, si è speso anche sul fronte della tassazione e della pressione fiscale, scongiurando ad esempio i ventilati aumenti record della Tari e, ancora, ‘pressando’ le istituzioni locali nelle tematiche che impattano direttamente con il mondo dell’imprenditoria autonoma.

“La visione condivisa dal Tavolo, in questo lungo anno di lavoro e battaglie – commenta Dalmonte – è stata improntata alla salvaguardia del made in Ravenna imprenditoriale, la cui crescita è fin troppo spesso minacciata non solo da scelte politiche assunte a livello nazionale, se non europeo, ma anche da atti locali che, seppur appaiano all’esterno di minor rilevanza – cito ad esempio le decisioni in materia di viabilità come la chiusura del Ponte sulla Felisio, tema purtroppo attuale e scottante – si rivelano invece spesso determinanti per lo sviluppo, se non per la sopravvivenza stessa, del nostro tessuto economico”.

Il neo-Coordinatore Brunelli, affiancato dal nuovo Vicecoordinatore Paolo Caroli, Presidente della Confcommercio provinciale, si è detto onorato di assumere l’incarico e dopo aver ringraziato tutte le Associazioni per la fiducia accordatagli ha dettato una prima agenda di lavoro indicando alcune priorità alle quali il Tavolo si dedicherà già dalle prossime settimane, tra cui la vicenda Felisio e la tematica Tari sono le prime e più urgenti da affrontare.

(Nella foto  il passaggio di consegne tra il Presidente Coldiretti Ravenna Nicola Dalmonte, Coordinatore uscente e Alessandro Brunelli, Delegato territoriale di AGCI Romagna e nuovo Coordinatore del Tavolo provinciale dell’Imprenditoria)

image_pdfimage_print