CONFESERCENTI NEL TURISMO CHE CAMBIA, LA STAGIONE TURISTICA 2019

2019-10-02T15:02:13+00:0001/10/2019|

Mercoledì 2 ottobre alle ore 16.30 si terrà presso il Grand Hotel di Cesenatico in piazza Andrea Costa l’annuale appuntamento organizzato da Confesercenti dedicato al Turismo; l’iniziativa porta il titolo “Confesercenti nel turismo che cambia, la stagione turistica 2019”. In quella sede saranno analizzati i dati delle statistiche ufficiali, si presenterà l’indagine condotta dal Centro Studi Confesercenti Cesenate  e si aprirà un confronto nel merito di quale modello turistico sia necessario e possibile offrire a partire dal  2020 e oltre. Invitati presenti al dibattito saranno Massimo Medri Sindaco di Cervia, Matteo Gozzoli Sindaco di Cesenatico, Andrea Corsini Assessore regionale al Turismo, Monica Ciarapica Presidente provinciale Confesercenti Ravenna, Fabrizio Albertini Presidente Confesercenti Cesenatico-Gatteo a Mare oltre agli organi dirigenti di Confesercenti Ravenna e Cesena.

“Abbiamo pensato che, ora più che mai, sia necessario il gioco di squadra – interviene Fabrizio Albertini – questo è il motivo per cui il convegno sul turismo di quest’anno vede unite due importati Confesercenti della Riviera, due importanti comprensori, Ravenna e Cesena. Noi tutti operatori stiamo facendo i conti, ormai da tempo, con un nuovo e diverso modello di vacanza; averne consapevolezza non basta, servono strumenti e strategie. – continua Albertini –  Un confronto aperto e sincero è quanto confidiamo avvenga il 2 ottobre dove insieme ai Sindaci Medri e Gozzoli e all’Assessore regionale Corsini parleremo di turismo moderno.”

“Cervia e Cesenatico hanno un confine ideale, politico ovviamente ma non topologico, medesime dinamiche, stessi problemi e opportunità – interviene Monica Ciarapica –. Quotidianamente dialogo con colleghi su come “fare turismo” quale identità dare al nostro prodotto, ammesso sia necessario trovarne un altro, come tenere alto il brand, come catturare nuovi interessi. Discorsi parziali e autoreferenziali – conclude Monica Ciarapica – se contenuti tra noi albergatori, serve la politica del nostro territorio, è necessario condividere con gli operatori del turismo, tutti.”

image_pdfimage_print