I PERICOLI DELLA RETE. Un incontro a Lugo per parlare di cyber bullismo, diffamazione, truffe, ecc.

2019-11-15T15:15:43+00:0015/11/2019|

Lunedì 18 novembre presso la sala riunioni della Confesercenti di Lugo in Via Foro Boario 4/1 alle ore 20.30 si terrà un incontro sul tema dei rischi in rete (cyber bullismo, diffamazione, truffe, ecc.) a cura di Giovanni Fontanieri, ex funzionario della Polizia di Stato ora esperto in Polizia Postale.

Internet è un mondo “parallelo”, fonte di informazioni, di relazioni sociali, di crescita culturale; vi si possono trovare occasioni per acquisti, per viaggi ma anche – come nella vita reale – criminali e persone pronte ad approfittare della buona fede per ingannare la gente.

“Sempre più spesso, ormai – afferma il presidente della Confesercenti di Lugo, Bruno Checcoli si sente parlare di furti d’identità, di scippi virtuali, oltre che di phishing e di utilizzo distorto dei social network. Sono sempre più frequenti le “false notizie” che si diffondono attraverso questi strumenti. Casi che ogni giorno portano alla ribalta Internet e i suoi pericoli e la commissione di veri e propri reati, difficili da perseguire, ma per i quali quotidianamente sono impegnati i quasi duemila uomini della polizia postale e delle comunicazioni di tutta Italia”.  “Pare – prosegue Checcoli – che ormai un crimine su cinque venga commesso in Rete e gli agenti della Postale in molti casi lavorano da infiltrati, soprattutto per scoprire e arrestare gli autori di traffici crudeli e pericolosi come quello di materiale pedo-pornografico, di terrorismo o di sostanze stupefacenti. Ma esiste anche un pericolo dettato da cosa si lascia scritto nei commenti sui social: sia frasi diffamatorie o minacce che si possono trasformare in azioni anche penali nei confronti degli autori”. “Saranno questi – conclude il presidente della Confesercenti di Lugo – gli argomenti che tratteremo nella serata ed a cui invitiamo imprenditori e cittadini”.

L’incontro rientra tra le iniziative dei Mesi del Commercio realizzati da Confesercenti con il contributo della Camera di Commercio di Ravenna.

image_pdfimage_print